C’è anche la cannabis terapeutica tra i farmaci che possono essere utilizzati nel trattamento del dolore in neurologia, ma anche la nutrizione e, sempre di più, l’approccio integrato. Questa mattina un incontro all’Ospedale di Borgo Roma durante il quale si è fatto il punto sulle nuove frontiere della ricerca

Il dolore è uno dei sintomi principali di varie patologie neurologiche, e la ricerca sta facendo notevoli passi avanti per affrontarlo. Per il futuro la ricerca guarda all’approccio integrato, “la nuova frontiera” la definisce il professore di medicina fisica e riabilitativa dell’università di Verona Nicola Smania. Indagare tutte le componenti del dolore, infatti, permette di raggiungere risultati migliori, rispetto al solo utilizzo del farmaco

Nella cura del dolore però si stanno facendo strada anche altri rimedi, la nutrizione, per esempio, sta assumendo sempre più importanza. E poi sì, anche la cannabis terapeutica, indicata nel trattamento del dolore associato alla spasticità, per esempio. In questi pazienti, laddove altri farmaci non funzionano, si può infatti considerare l’inserimento di questo tipo di farmaco meno convenzionale

 

banner-gif
Articolo precedenteSe “L’Infinito” diventa una poesia social
Articolo successivoCome funziona il congedo paternità (in breve)