Attualmente l’abitato di Grezzana è servito da una rete acquedottistica che fa capo all’impianto di “Maioli” situato tra Quinto di Valpantena e Nesente, dove è presente una vasca di accumulo e pompaggio dell’acqua alimentata da alcuni pozzi.

Dalla stazione di Maioli parte il collettore di alimentazione della rete, che arriva senza diramazioni all’abitato di Grezzana in Via Asiago. In questo punto è presente un nodo idraulico in cui la rete si divide in tre condotte: una condotta DN 250 che serve la zona del campo sportivo e che prosegue poi verso il serbatoio “Cologne” a nord ovest di Grezzana; una condotta DN 150 che va a caricare il serbatoio “La Costa” posto a nord est di Grezzana; una condotta DN 80 che alimenta il capoluogo e località Borgo.

Il progetto definitivo in esame prevede la realizzazione di un impianto di rilancio dell’acquedotto a servizio del comune di Grezzana. Il nuovo impianto verrà realizzato in Via Asiago, in corrispondenza di un parcheggio pubblico, immediatamente a monte della rete di distribuzione dell’abitato di Grezzana, lungo la condotta di mandata in arrivo dalla stazione di sollevamento di Maioli, che verrà a sua volta potenziata (con un altro intervento già pianificato).
L’obiettivo dell’intervento è quello di rispondere alle imminenti nuove richieste di risorsa idrica derivanti dalla notevole espansione urbanistica residenziale del Comune di Grezzana.

L’opera, del costo di 200mila euro, rientra nella pianificazione di Piano d’Ambito, come stralcio dell’intervento di “Potenziamento acquedotto Lessinia” per l’importo complessivo di 5 milioni di euro (IVA esclusa).

AATO Veronese

banner-gif
Articolo precedentePEPE E SALE, LA GIOVANE CAMERIERA E' FUORI PERICOLO DI VITA
Articolo successivoPROVINCIA: PRESENTANTO IL PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE