QUINTO – Si è tenuta stamattina, martedì 21 febbraio, nella sala consiliare dell’8va circoscrizione a Quinto di Valpantena, una conferenza stampa organizzata dal PD sulla tanto discusso tema della SP6 e della viabilità in vallata.

«Si è scelto di tenere la conferenza stampa a Quinto» ha spiegato il candidato sindaco Michele Bertucco «in quanto è la frazione che più di tutte patisce delle non scelte fatte». L’accusa è rivolta direttamente all’attuale amministrazione, colpevole di non aver reso noto ai cittadini la reale situazione. Secondo i rappresentanti del PD, mancherebbero infatti i finanziamenti per poter realizzare il progetto. Come emerso il 15 febbraio scorso nel corso dell’audizione in Regione dei vertici di Veneto Strade cui ha partecipato il consigliere PD Franco Bonfante, alla società servirebbero 10 milioni di euro soltanto per continuare a pagare le spese correnti, e un minimo di altri 30 milioni per continuare i lavori sui cantieri già aperti.

«Nell’ultima conferenza pur sapendo la situazione economica non si è ancora deciso di dire in faccia alla gente la gravità della situazione» aggiunge Bertucco, che precisa inoltre «si è dimostrato che la nostra provincia è un po’ la Cenerentola del veneto, perché conta poco e i finanziamenti vanno spesso da altre parti».

Marta Fischer, consigliere PD in 8va e presidente del comitato CiViVi, sottolinea che «già all’insediamento di questa amministrazione, cinque anni fa, circolava la voce dell’impossibilità di realizzare i progetti, per mancanza di finanziamenti. Tuttavia, si è comunque voluto portare avanti iniziative “faraoniche”». In tutto ciò, non si sarebbero inoltre prese in considerazione le proposte dell’opposizione che proponeva interventi più limitati e meno costosi, di conseguenza più facilmente realizzabili.

Ora, accertata la mancanza dei fondi, è necessario ricominciare da zero, tornando a cercare 6-9 milioni di euro indispensabili per gli interventi urgenti, quali: il nuovo sottopasso a Nord di Poiano, il nuovo svincolo a Quinto; il collegamento della SP6 con la Zai di Marzana; la terza corsia su alcuni tratti di Via Valpanbtena, a garanzia degli innesti laterali; la riqualificazione della rotonda del Famila e la pista ciclabile da Verona a Marzana.

Presenti alla conferenza anche Marco Burato (direttivo VIII circolo PD), Roberto Uboldi (consigliere comunale PD) e Leonardo Zanini (capogruppo PD VIII circoscrizione), che si sono detti concordi su quanto affermato durante la conferenza, sottolineando l’importanza di fare chiarezza da subito per trovare quanto prima soluzione ad un problema di cui si discute da tanto tempo.

Fanno sorridere le conclusioni del consigliere comunale PD Roberto Uboldi «peccato che il codice della strada non permetta di dotare ogni auto in Valpantena di un lampeggiante blu».

<italic>Nella foto (da destra) Marta Fischer, Michele Bertucco, Leonardo Zanini, Roberto Uboldi, Marco Burato, Beppino Bongiovanni).</italic>

<underline><link=’http://www.giornalepantheon.it/index.php?page=home’ class=’_blank’>Aperto un sondaggio sull’argomento</link></underline>.

Jessica Ballarin

banner-gif
Articolo precedenteLessinia in bianco nevica ancora da Rosaro in su
Articolo successivo"Amici della bicicletta" assemblea per il futuro