Si svolgerà sabato 29 maggio 2010 alle ore 20.30 presso la Chiesa Parrocchiale di Sezano, la <italic>6^
edizione di Sezano in Rima</italic>
, una serata di musica e poesia sul tema «…La nostra valle, ai piedi
della Lessinia, storia e tradizioni».

L’evento, organizzato dal Comitato Festeggiamenti di Sezano, in collaborazione con il Circolo
Artisti di Grezzana, il Cenacolo di Poesia Veronese e le Scuole medie “C. Perucci” di Marzana,
patrocinato dall’8^ Circoscrizione e dal Comune di Verona, vedrà, oltre ai poeti, la partecipazione di
sei giovani molto promettenti della scuola Perucci: Yuri Brunelli, Giacomo Morbioli, Jordy Dal
Corso, Cristiano Tacchella, Gemma Todeschini e Caterina Riva, ritratti nella foto sopra.

Fra i poeti interverranno Gelmina Dalla Bona, Dario Zivelonghi, Nerina Poggese, Danilo Pavan,
Claudia Modena, Adriano Tagliapietra, Silvana Valbusa, Luigi Ederle e Maria Dal Corso. Il giovane
coro “Voci del bosco” di Lugo diretto dal Maestro Raffaello Benedetti, accompagnerà i poeti
allietando musicalmente la serata.

Al termine della manifestazione il comitato sarà lieto di intrattenere, come di consueto, tutti i
presenti con un rinfresco, occasione per scambiare impressioni, sensazioni ed emozioni con gli
autori e con tutti i presenti.

Informazioni sulla serata contattando:
Germano Zanella 348 5727823
Carlo Bagnoli 331 9650060

Per dare un piccolo assaggio in anteprima per i lettori del vasto repertorio che sarà messo in scena sabato 29, vi proponiamo
di seguito due componimenti che parlano della stagione più amata: l’estate. Due modi diversi di
interpretare un periodo centrale anche nella vita agricola e non solo in quella vacanziera. Le due
poesie sono di Nerina Poggese (Ariva l’istà) e Gelmina dalla Bona (Istà).

<center>ARIVA L’ISTA’

Recini de sirese,
n’abitin a fioreti
sensa maneghe, scolà,
profumo de erba menta,
sgulmarin,
on masso de rose
on capelin ‘ntressà
de spighe e papaveri
ecola l’istà.
L’ariva, te la senti da lontan,
la siola on l’aria
stissando i useleti,
metendone el bonumor on man,
portandose adrio
n’aquilon de oro,
el sol fresco de lissia
e de note al lasso
la tira pì vissin la luna
par far ‘nàmorar i pori cani.
L’è siora l’istà,
ma la va descalsa,
fra campi, vaj e orti,
pigra la và for de caredà,
la se buta soto le ombrie
rufiana,
la scalda i servei
e….l’è sua la colpa!
Se on fontego de basi i pi dolsi,
la ne fà somenar sempre on volta!

<italic>Nerina Poggese</italic>

ISTA’

E l’è tornà a vivar
la me caseta
da i oci che ride
e la boca che canta.

Se move le foie del moràr
zó ne la corte
fasendo le gate-gate
a lusertole destese
sui muri de sasso
sgrafadi da spére de sol.

L’è istà, el tempo de impenìr
el granar
par ci g’à voia de laoràr.
E taia.. .e mucia….e bate el fero
a mò de na’ canson de le çigale.

Gore le formighete vestie de nero
con fregole de pan
sora le spale,
le sa eh’è drio rivàr
pian a pian, l’inverno
e al caldo alora
le podarà sponsàr.

L’è torna a vivar
la me caseta
co’i oci impissà da le stéle
e la luna che spia dal camìn
i me sogni
cuna dormente
da ‘n angelo
co’ i cavei inargentadi.

<italic>Gelmina Dalla Bona</italic></center>

Matteo Bellamoli
<mail=’mailto:matteo.bellamoli@giornalepantheon.it’>matteo.bellamoli@giornalepantheon.it</mail>

banner-gif
Articolo precedenteBROTHERS FESTIVAL 2010: CAMBIA LA MUSICA, RIMANE LA SOSTANZA
Articolo successivoESPOSIZIONE DI LIBRI E OGGETTI ANTICHI IN PIAZZA A CERRO