Settima edizione per la oramai tradizionale <italic>Festa di Primavera </italic>a Malga Garavazzo (S.Anna d’Alfaedo) organizzata dal Comitato “malga” in collaborazione con la Proloco di Sant’Anna.

Anche quest’anno, nella giornata di sabato 1 maggio il paesaggio intorno alla piccola malga si animerà di sapori e colori pronti a regalare a tutti i partecipanti una straordinaria giornata incorniciata dalla bellezza del verde della nostra Lessinia.

Dopo le ristrutturazioni promosse dalle amministrazioni locali, Comune, Proloco e Comunità montana, Malga Garavazzo è stata riportata allo splendore di un tempo, mantenendo intatte struttura, attrezzature e fascino.

Il programma prevede la S. Messa all’esterno della malga alle ore 10.30, con l’apertura del mese dedicato alla Madonna. La pineta di S. Giovanni e la splendida vista sulla vallata di Fumane faranno da sfondo alla celebrazione liturgica.
Alle ore 12.00 apriranno gli stand eno-gastronomici che proporranno i tradizionali gnocchi “de malga” con grigliata mista, polenta, formaggi, salame e i tipici dolci fatti in casa, il tutto accompagnato dall’ottimo vino della Valpolicella, invidiatoci da ogni parte del mondo.

Per i più piccini ci sarà la possibilità di svagarsi con il clown Smemorando, mentre il pomeriggio sarà allietato dalla musica e dal karaoke del duo Ivo Benedetti e Ale. Attivo per tutta la giornata un mercatino con vendita di prodotti tipici e equosolidali, dalla cui vendita parte del ricavato andrà in beneficenza.
La festa, che in caso di maltempo si svolgerà al coperto, si propone come sempre quale portavoce degli usi, costumi e sapori della tradizione lessina, dando l’opportunità a famiglie, abitanti e semplici curiosi, di trascorrere una giornata distante dal caos cittadino, a contatto con la natura nel mezzo del parco della Lessinia.

Matteo Bellamoli
<mail=’mailto:matteo.bellamoli@giornalepantheon.it’>matteo.bellamoli@giornalepantheon.it</mail>

banner-gif
Articolo precedenteDUECENTO ANNI DI SCUOLA A GREZZANA E DINTORNI
Articolo successivo«VICINI AL TERRITORIO PER MIGLIORARE IL BENE COMUNE»