Atterrerà oggi alle 16.30 all’aeroporto di Villafranca il volo di stato che accompagna le tele trafugate dal Museo di Castelvecchio il 19 novembre di un anno fa: ci sono voluti ben 398 giorni, ma la vicenda di quello che è stato definito “il furto del secolo” ha così il suo lieto fine.

Ci sono voluti 398 giorni, ma alla fine sono tornati: oggi fanno ritorno, finalmente, a Verona i 17 quadri rubati dal Museo di Castelvecchio quasi un anno fa.

Il volo di stato incaricato di riportare le tele sul suolo nazionale è partito da Roma-Fiumicino ieri sera alla volta di Kiev con a bordo tra gli altri il sindaco di Verona Flavio Tosi, il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, il sostituto procuratore Gennaro Ottaviano, il comandante del nucleo di Tutela del Patrimonio Culturale dei carabinieri Fabrizio Parrilli, il direttore del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato Renato Cortese. È previsto per questo pomeriggio alle 16.30 all’aeroporto di Villafranca l’arrivo del prezioso bottino (il valore totale dei quadri si aggira attorno ai 17 milioni di euro) che verrà poi trasportato al Museo di Castelvecchio.

Si conclude così la vicenda iniziata il 19 novembre dell’anno scorso, quando una banda armata e incappucciata era riuscita a trafugare le tele dal Museo di Castelvecchio, e che già aveva avuto una prima svolta nello scorso marzo con l’arresto di dodici persone, dieci moldavi e due italiani,  con l’accusa di aver organizzato la rapina.

Dopo il ritrovamento dei quadri all’inizio di maggio nella boscaglia dell’isola di Turunciuk, sulle sponde del Dnestr, in Ucraina, il presidente ucraino Petro Poroshenko aveva annunciato che le opere d’arte sarebbero state riconsegnate all’Italia il prima possibile. Dopo più di sei mesi da questa affermazione il tesoro trafugato di Castelvecchio può finalmente trovare la via di casa.

Per celebrare l’importante avvenimento è stato deciso che i quadri saranno esposti, già a partire dalla mattina di domani, in un’apposita sala del Museo per trenta giorni, al prezzo speciale di 1€.

banner-gif
Articolo precedenteAtlas#Veronetta, il progetto che vuole dare un volto nuovo a Veronetta
Articolo successivoPovertà, bilancio Caritas: tanta la solidarietà