Le sigle sindacali e i lavoratori preoccupati hanno manifestato davanti alla sede della Provincia per scongiurare la scissione del bando per il trasporto pubblico locale in due lotti. Non è ancora arrivato il parere dell’Autorità Nazionale Trasporti e la scadenza per la pubblicazione del bando è il 31/12. Ma non è tutto perduto secondo Matteo Pressi, consigliere provinciale delegato ai trasporti.

Il bando per il trasporto pubblico locale deve essere pubblicato entro il 31 dicembre, questa è l’unica certezza. L’incognita riveste invece il capitolo del come. Sarò un bando di gara unico come accade in altre province Venete, come Padova e Rovigo, oppure si seguirà l’indirizzo di alcuni dirigenti della Provincia scaligera, spezzando in due trasporto urbano ed extraurbano? Il Comune spinge per il bacino unico, come conferma la mozione passata ieri sul tema.

Con il fiato sospeso anche la Provincia aspetta il parere determinante dell’Autorità Nazionale Trasporti. Ma uno spiraglio intanto si apre. Stamattina Cgil, Cisl, Fais-Cisal e Sul hanno ribadito davanti alla sede della Provincia il loro no all’ipotesi spezzatino. Altro tema caldo, il mancato rinnovo da parte di ATV dell’appalto all’azienda Pasqualini. Scelta che affida all’incertezza i suoi lavoratori. I sindacati chiedono che venga garantita la continuità occupazionale.

 

GUARDA IL SERVIZIO DI TG VERONA NETWORK: