Riva San Lorenzo, vicino al Ponte della Vittoria e con una vista invidiabile dell’Adige. E’ questo il suggestivo scorcio cittadino scelto da Associazione culturale River per portare l’arte di diversi giovani autori veronesi nella cornice giocosa del Tocatì. Installazioni belle da vedere, ma anche divertenti per giocare in compagnia, come il CareGame o l’angolo dei profumi provenzali: una piccola cabina di legno con all’interno alcune piante aromatiche per entrare di sfuggita nella Francia del Sud.

 

Guarda l’intervista a Rebecca De Conti, Associazione River:

Articolo precedentePerché una statua come Marco Cavallo è (ancora) un simbolo necessario
Articolo successivoAmori perduti, spazzolini ormai inutili: la poetica “pratica” di Andrea Melis