Al Padiglione Italia va il primato del Paese più generoso all’interno dell’Expo, secondo un sondaggio Coldiretti/Ixè.

Se la spesa complessiva è stata mediamente al sotto dei 75 euro per più della metà dei visitatori, noi italiani abbiamo speso complessivamente 2,3 miliardi per visitare l’Esposizione universale tra viaggio, alloggio, spese varie fuori ed ingresso e consumazioni all’interno. Questo è quanto emerge dalla prima indagine completa sul bilancio dell’evento elaborata da Coldiretti/Ixè, presentata al Forum sull’eredità di Expo e sulle sfide future.

La stessa indagine rivela che il 49% dei visitatori ha colto l’occasione della visita ad Expo anche per visitare altre località e luoghi al di fuori dell’area anche se il tempo necessario per l’Esposizione ha limitato le distanze. Infatti il 42% dei visitatori di Expo è rimasto nella città di Milano, l’11% in alcuni luoghi in Lombardia, e solo il 4% altre Regioni del Nord Ovest mentre percentuali residuali si sono recati in altre Regioni. L’effetto di promuovere il turismo è stato comunque centrato per il 32% dei visitatori.

Il Padiglione Italia si aggiudica però il primo posto in termini di generosità, con il 10% dei consensi davanti alla Russia (7%) e al Belgio (6%). In questo contesto particolarmente apprezzata è stata la presenza degli agricoltori della Coldiretti che è nota a quasi due visitatori su tre (63%) con offerta di prodotti, distribuzione di pasti, coinvolgimento in giochi, iniziative di informazione anche con i più piccoli. Ad essere stata apprezzata è stata la difesa dei prodotti italiani dal 32%, la testimonianza del lavoro nelle campagne dal 23% e la garanzia della qualità degli alimenti dal 23%.