Da oggi comunicare con la centrale operativa è più semplice, grazie alla app realizzata dalla Polizia di Stato e dall’Ente Nazionale Sordi

Se fino a qualche tempo fa comunicare con la centrale operativa era complicato, ora non lo è più. Almeno a Verona, che per prima tra le altre venete, adotta l’app SOS Sordi. Lo strumento, nato da una collaborazione tra Polizia di Stato e l’Ente Nazionale Sordi, è stata pensata per le persone che hanno questa patologia e funziona così: si clicca sull’icona relativa al problema che si sta vivendo, l’allerta viene inviata alla centrale operativa che geolocalizza immediatamente il telefono e manda una volante.

Il funzionamento è semplice, basta registrarsi, inserire i propri dati e quelli della Questura di riferimento, in questo caso quella veronese.

E-mail di riferimento: emergenzasordi.quest.vr@poliziadistato.it

Articolo precedenteL’apicoltura ieri e oggi
Articolo successivoStrage di Montorio 1945: due serate per ricordare