È stata presentata questa mattina a Palazzo Barbieri una proposta di soluzione per la messa in sicurezza e la razionalizzazione dei flussi di traffico sulla strada provinciale 6 della Valpantena, nel tratto tra lo svincolo della tangenziale Est e Quinto.

<link=’http://www.giornalepantheon.it/download/Presentazione_SP6.zip’ class=’_blank’><underline>STUDIO DI FATTIBILITA'</underline></link>
(<italic>Attenzione, il file ha una dimensione di circa 37 Mb, quindi è necessaria una connessione ADSL</italic>)

Lo studio di fattibilità, redatto da Technital, è stato presentato al Sindaco Flavio Tosi dagli assessori alla Viabilità del Comune Enrico Corsi e della Provincia Andrea Bassi; presenti il presidente dell’ottava Circoscrizione Dino Andreoli e l’amministratore delegato di Technital Massimo Raccosta. Lo studio di fattibilità dovrà essere sottoposto all’esame dell’Amministrazione comunale, di quella provinciale e di Veneto Strade, a cui spetta la realizzazione dell’opera, che è già stata finanziata dalla Regione Veneto con più di 9 milioni di euro del bilancio 2009 e 8 milioni di euro dei fondi provenienti dal Passante di Mestre.

“Questa proposta – ha detto il Sindaco Tosi – permetterà di collegare l’uscita della tangenziale Est a Quinto, rendendo più fluido il traffico di una delle principali strade di accesso alla città. Rispetto al progetto precedente, che prevedeva una nuova strada lungo tutto il “progno” della Valpantena, questa proposta è migliore dal punto di vista ambientale, perché comporta un minore impatto territoriale ed è sostenibile sotto il profilo dei costi.

Ringrazio gli assessori regionali Giancarlo Conta e Renato Chisso per il loro costante interessamento alle sorti di quest’opera pubblica e per aver reperito i finanziamenti necessari alla sua realizzazione”.

“La variante alla Sp6 della Lessinia – hanno spiegato gli assessori Corsi e Bassi – permetterà finalmente di dare una risposta concreta ad una vallata che da tempo è soffocata dal traffico. La proposta presentata oggi prevede la realizzazione di un intervento di circa 2 chilometri e mezzo: nel primo tratto, dalla rotatoria Ca’ Rossa di via Colonnello Fincato alla rotonda di Poiano nord, è previsto un allargamento della sede stradale con la realizzazione di una pista ciclabile protetta larga 3 metri, situata sul lato in direzione Verona; nel secondo tratto, da Poiano allo svincolo di Quinto, si prevede un percorso in trincea che affiancherà l’attuale letto del “progno” della Valpantena”.

Comune di Verona

banner-gif
Articolo precedenteLA CULTURA E LO SPORT PER UNA SOCIETA' FUTURA MIGLIORE
Articolo successivoPROSEGUONO ANCHE NEL 2010 LE INIZIATIVE DE L'AGORA' DI CERRO