La riflessione sul linguaggio che stiamo utilizzando e che utilizzeremo non è secondaria ma deciderà molto della società che avremo nel post Covid. Ne parliamo con due esperti di comunicazione, Lorenzo Carpanè, formatore e consulente sull’uso delle parole e Gaia Passamonti, umanista e founder dell’agenzia Pensiero Visibile.

banner-gif
Articolo precedenteFase 2, il limbo di parrucchieri ed estetiste
Articolo successivoA casa degli altri: Elisa, la mamma e i suoi 10mila passi nel futuro
Caporedattrice