In foto il presidente Tacchella ed il coordinatore degli Angeli del Bello Aldo Allegretti insieme ai volontari durante i lavori al sottopasso di via Mantovana.


Ripulite e cancellate le scritte che deturpavano il sottopasso che attraversa via Mantovana
, un passaggio particolarmente frequentato ed utilizzato da centinaia di persone, in particolare da mamme, bambini ed alunni che quotidianamente lo attraversano all’ingresso e all’uscita della scuola ubicata proprio nelle vicinanze.

Ha preso il via in questi giorni un intervento congiunto dell’associazione Angeli del Bello e di Amia che ha ridato un nuovo look al sottopassaggio della trafficata arteria stradale nel quartiere Santa Lucia. Un intervento atteso da anni, che ha visto all’opera decine di volontari dell’associazione armati di pennelli, colori e vernici, impegnati nel ridipingere i muri laterale ed il soffitto del sottopasso, dopo aver tolto tutte le scritte che lo imbrattavano, ridonando così un aspetto esteticamente gradevole e rendendo più fruibile la struttura. Come già avvenuto numerose volte in occasione degli interventi degli Angeli del Bello, Amia ha supportato le attività, fornendo ai volontari tutti i mezzi e gli strumenti necessari alle operazioni di pulizia e riverniciatura. La società di via Avesani presieduta da Bruno Tacchella, raccogliendo le segnalazioni di alcuni cittadini del quartiere, ha infatti messo a disposizione apposite vernici, colori, scale e mezzi di vario genere che sono stati utilizzati dagli Angeli del Bello. Alle operazioni ha inoltre partecipato una delegazione di volontari del Rotary di Verona. Le operazioni di riverniciatura termineranno già nella giornata di sabato, mentre nelle prossime settimane i volontari, sempre con l’ausilio di Amia, provvederanno alla sistemazione e riverniciatura delle ringhiere e del passamano, particolarmente danneggiati da usura, vetustà e condizioni atmosferiche. 

Articolo precedente“Verona Renova”, cronaca di una città senza umani
Articolo successivoPrematurità, oggi la Giornata mondiale: a Verona la Gran Guardia s’illumina di viola