Tra sabato e domenica in circa 3 000 sono saliti sulle vette della Lessinia per godersi lo spettacolo del Summerland Music Festival. Clima ottimo e pioggia quasi assente (tranne sabato sera). E per l’anno prossimo l’organizzazione guarda già anche al terzo giorno

Dalla giornata unica dell’anno scorso, alle due giornate di sabato e domenica. Il Summerland Music Festival ha raddoppiato anche nelle presenze: 1500 persone l’anno scorso, circa 3 000 quest’anno.

 

 

Una grande soddisfazione per gli organizzatori, Emanuele Lorenzini, Fausto e Federico Bonfà, che chiudono un occhio sull’acquazzone di sabato sera alle 20. Anche perchè poi il concerto di  Alteria, interrotto temporaneamente dalla pioggia, è proseguito all’interno del Rifugio, “creando una situazione di intimità altissima”, ci racconta Emanuele.

“Alteria ha continuato il suo concerto all’interno del rifugio, sparando 7-8 pezzi dei Led Zeppelin e degli ACDC che hanno moltiplicato il livello della poesia”.

Bene quindi l’attività di ristorazione in rifugio, “con tavoli  presi d’assalto dai clienti sia sabato che domenica, e code fino alle 16.

“Quest’anno abbiamo alzato l’asticella nella qualità della musica, nella logistica e la scelta degli stand”. E per l’anno prossimo gli organizzatori lanciano già delle idee “per gestire la situazione se dovesse arrivare un bel pezzo da novanta. Chissà che l’evento,infatti, non inizi già il venerdì.

Nota fondamentale è il ringraziamento alla Proloco di San Rocco di Piegara, che si è occupata della questione sicurezza:

“Se abbiamo superato le restrizioni della circolare Gabrielli è stato grazie alla proloco di San Rocco di Piegara e al suo presidente Roberto Bicego”

 

 

banner-gif
Articolo precedenteIl nostro paradiso gratuito
Articolo successivoDisperate? No multitasking. Perché le casalinghe non sono più quelle di una volta