L’abbiamo atteso un anno intero. Ma finalmente è qui. L’evento che condivide le idee migliori, quelle più innovative, quelle che rivoluzionano il mondo e lo fanno muovere ha finalmente inizio: TEDx Verona prende il via oggi e Pantheon lo seguirà per voi.

di Miryam Scandola

Con le idee funziona così; migliorano se si condividono. Ne sono certi gli oltre 20 professionisti che, in maniera del tutto volontaria e gratuita, per un anno intero si sono impegnati nella realizzazione di quello che è, forse, l’evento più innovativo sul suolo scaligero. Idee, futuro, creatività andranno in scena grazie a 12 menti brillanti che si racconteranno nella consueta formula di un intervento di 18 minuti ciascuno, domenica 24 aprile negli spazi del Palazzo della Gran Guardia. Lo scopo? Portarsi a casa l’ispirazione.

«Se io ho una mela e la condivido con qualcun altro la mela è comunque una sola. Con le idee è diverso; da una diventano sempre, almeno, due» spiega Francesco Magagnino, presidente di Tedx Verona durante la conferenza stampa che si è tenuta in mattinata tra i suggestivi spazi del Polo Santa Marta.

Il tema scelto quest’anno, filo rosso che lega i 12 speech dei 13 relatori, più che un gioco di parole sembra una sfida. “*Re- *prefisso futuro: re-invent, re-think, re-lay”, una particella linguistica che cerca di sottolineare come, anche visivamente, alla base di ogni innovazione ci sia prima la reinterpretazione, la relazione e l’intensificazione di un qualcosa, di un “quid” nascosto. Guardarsi indietro per preparare lo sguardo a quello che sta davanti, insomma.

Molteplici, trasversali e originali: gli ambiti tematici che verranno toccati non hanno, come si conviene, confini. «Dalla ricerca scientifica all’esplorazione, dalle nuove tecnologie alla musica, dallo sport fino ad arrivare alle storie più personali, ma sempre paradigmatiche – racconta Désirée Zucchi, responsabile della selezione degli speaker per TEDxVerona – Abbiamo scelto un mix di personalità veronesi e italiane, che verranno nella città scaligera a farci conoscere più da vicino le loro esperienze di vita e professionali. L’obiettivo è, come sempre, quello di creare ispirazione, coinvolgere, accendere una lampadina sulla creatività e sul nostro futuro».

Ma chi saranno gli speaker di quest’edizione? Partiamo con Linda Avesani (ricercatrice presso l’Università di Verona ), segue Simona Atzori (pittrice, danzatrice e scrittrice) e poi ancora Mauro Bergamasco (rugbista), Simon Lancaster (speechwriter e comunicatore), Domitilla Ferrari (esperta di marketing digitale), Francesco Sauro (esploratore, geologo e speleologo), Marco Ceriani (fondatore di Italbugs e foodblogger), Giovanni Andrea Prodi, (fisico nucleare e responsabile del progetto internazionale sulle onde gravitazionali), Tamara Lunger (scalatrice alpina), Massimo Tammaro (ex comandante delle Frecce Tricolori). Annunciati in quest’occasione anche gli ultimi due speaker: si tratta dei “social expert” Daniele Quercia in coppia con Miriam Redi e di Pasquale Pezzillo che porterà in Gran Guardia il suo progetto musicale Joycut in collaborazione con Gael Califano e Nicola Maccarinelli.

TEDx Verona targato 2016, stando ai numeri, sembra già un successo: ben 700 biglietti esauriti nell’arco di poche ore durante la prevendita del 1° marzo e una lista d’attesa ancora lunga. Per continuare a parlare di numeri, sono 70 i volontari, accuratamente selezionati, che coadiuveranno il team nella gestione degli aspetti operativi della kermesse. 1/3 le presenze fuori Verona che prenderanno parte all’evento, che si conferma un grande stimolo anche a livello regionale. Le idee si condividono, quelle davvero buone si replicano. Così è successo per un gruppo di Rovigo che, dopo aver partecipato l’anno scorso alla kermesse scaligera, ha deciso nel 2016 di portare il format californiano anche sul suolo della sua città.

Da non dimenticare il capitolo degli allestimenti che vedono il nero, il rosso e il bianco (i colori di TEDx Verona, ndr) mescolarsi e comporre un segno: la doppia freccia indietro del tasto REWIND che sostiene la doppia freccia avanti del tasto FASTFORWARD.

A sintetizzare il tema in maniera suggestiva ci pensa RED, un po’ totem un po’ robot, disposto al centro del loggiato della Gran Guardia e dotato di due paia di occhi. Un paio per osservare il passato e scrutarne la ricchezza. L’altro per guardare avanti, con lo sguardo denso di futuro.

Sarà possibile seguire in streaming tutti gli interventi di TEDx Verona sul sito nella giornata del 24 aprile sul sito www.tedxverona.com