Il turismo accessibile non è più solo un sogno. È nata BFree, un’applicazione mobile gratuita con tecnologia accessibile che segnala luoghi e percorsi a misura di tutti.

Il turismo accessibile non è più solo un sogno. È nata BFree, un’applicazione mobile gratuita con tecnologia accessibile che segnala luoghi e percorsi a misura di tutti.

di Valentina Bazzani

ANCHE VERONA è stata inserita nelle mappe di BFree, prodotto del più ampio progetto “Verona Smart & Easy”, nato dalla collaborazione tra l’azienda DAS e l’associazione Abiliatour ONLUS, che garantisce pari opportunità alle persone con disabilità. L’applicazione è stata realizzata da Global Accessibility Sagl, azienda specializzata nello sviluppare soluzioni per persone portatrici di handicap e con esigenze speciali (mamme con passeggini).

BFree è un contenitore di guide accessibili open source dedicate ad ogni tipologia di utente: lo stesso percorso infatti, può essere affrontato in maniera diversa a seconda del tipo di disabilità, in carrozzina elettronica piuttosto che manuale, se si viaggia da soli o in compagnia, se si utilizzano ausili particolari. BFree interagisce con il fruitore in maniera rapida e semplice grazie a un’interfaccia intuitiva, un servizio di riconoscimento e una tecnologia facilmente utilizzabile da persone con disabilità fisica, sensoriale o anche da dislessici.

I PERCORSI della mappa riescono a fornire le soluzioni più adatte per vivere un’esperienza autonoma. L’app è stata creata e testata a seguito di uno studio di un team composto da un project manager, un disability manager e un terapista occupazionale. Lo studio del progetto ha identificato i percorsi migliori, le strade e alcuni punti strategici e al contempo magici della nostra Verona: Castelvecchio, l’Arena, la Casa di Giulietta, le Arche Scaligere, la Basilica di Sant’Anastasia, Piazza dei Signori, Piazza Erbe, Palazzo della Ragione e Torre dei Lamberti.

L’utilizzo di tecnologia mobile accessibile permetterà una maggiore distribuzione delle informazioni, velocizzando anche il processo integrativo e sociale. La lavorazione pensata per le esigenze di ciascuno, consentirà un costante monitoraggio e aggiornamento del prodotto. Una bella soluzione per una Verona più Smart!

banner-gif
Articolo precedenteMille Miglia, aspettando la corsa più bella del mondo
Articolo successivoVeronetta, un quartiere da studiare (e riscoprire)