Il nuovo platano messo a dimora in Borgo Trento.
Il nuovo platano messo a dimora in Borgo Trento.

Un piccolo contributo per riparare ai danni del terribile nubifragio che lo scorso 23 agosto colpì alcuni quartieri di Verona, abbattendo oltre 500 alberi. E’ questa l’idea di Ippogrifo, l’associazione guide veronese che nelle scorse settimane aveva proposto una visita guidata ad offerta libera e con il ricavato ha pensato di acquistare un platano.

La pianta è stata messa a dimora alla presenza del presidente di AMIA, che si occupa della manutenzione del verde, Bruno Tacchella, del responsabile Area Giardini e Verde Pubblico Marco Magnano e del responsabile Verde Verticale Francesco Donini. Per le guide Ippogrifo erano presenti Alberto Pavoni e Aurora Soldà.

Il platano ha sostituito il cipresso sradicato dal vento lo scorso agosto. E’ stato deciso di cambiare pianta, platano invece che cipresso, scegliendo un’essenza autoctona e probabilmente più resistente ai cambiamenti climatici.

Articolo precedente«Mai dare per scontato il tempo, nella vita come nella musica»
Articolo successivoVerona360 al Festival della Scienza: cultura e tecnologia si incontrano
Direttore Responsabile