Cattolica Assicurazioni entra nel Consiglio di indirizzo di Fondazione Arena con un contributo economico importante, ancora da stabilire.  “Si sta concretizzando il progetto di rilancio dell’ente”, ha detto il sindaco

La cifra dev’essere ancora stabilita, ma l’ufficializzazione è arrivata. Cattolica Assicurazioni è il nuovo importante socio di Fondazione Arena. Una partecipazione “pesante” che si aggira attorno al 3% della somma dei contributi netti approvati dall’ultimo bilancio di Fondazione e ad un ulteriore 5% calcolato sul FUS, per due anni. Stiamo parlando di un impegno che supera il milione di euro, che il presidente Bedoni commenta così:

Come Cattolica – afferma il presidente Bedoni -, abbiamo colto l’invito del Sindaco a partecipare ad un progetto di rilancio di un patrimonio culturale ed economico come l’Arena e la sua Fondazione, di grande importanza per la nostra città, cercando di uscire dalla logica contingente e meramente economica e di bilancio, per vedere l’opportunità che per Verona può offrire.
Il nostro compito sarà quello, mi auguro, di partecipare, collaborare con tutti gli autori e i protagonisti di un progetto di rilancio. In pratica non vogliamo fare da stampella, andare in soccorso al bilancio, ma giocare una partita per Verona, per il nostro territorio e dunque anche per Cattolica”.
 

Abbiamo accolto la richiesta del sindaco di Verona, che è anche presidente della Fondazione Arena, di offrire il nostro supporto a questo ente, seguendo un progetto a lungo termine – aggiunge Minali -. L’abbiamo valutato e riteniamo che ci siano le condizioni per sostenerlo, in modo da garantire, insieme agli altri soci, un percorso di risanamento e di crescita. Dobbiamo tutti impegnarci per garantire la necessaria solidità finanziaria alla Fondazione Arena, in modo da poter realizzare un solido piano di investimenti. Il nostro apporto sarà pari al 3 per cento dei contributi netti dell’ultimo bilancio dell’Ente per entrare come soci e al 5 per cento del Fus per i prossimi due anni. Saremo più precisi quando avremo i numeri dello stesso Fus

Ottimista su quello che sarà il futuro di Fondazione Arena si dice anche il sindaco Sboarina, che vede nell’investimento di Cattolica un’opportunità per indurre un effetto domino, in positivo, sulla Fondazione.

Cattolica entra come socia della Fondazione, seduta all’interno del Consiglio di indirizzo in modo pesante, con la figura apicale del presidente, e con un contributo economico importante per la Fondazione e suoi lavoratori. La soddisfazione è davvero grande – aggiunge il Sindaco –, anche perché dimostra la condivisione, la sintesi e la sinergia sul progetto di rilancio complessivo, che passa attraverso la presenza di un Sovrintendente conosciuto in tutto il mondo, un direttore generale che è un manager, figura sempre mancata all’interno di Fondazione, con tutta una serie di iniziative e progetti che verranno realizzati in futuro, a partire dai prossimi mesi.
Rispetto agli anni precedenti, il cambio di prospettiva è totale – sottolinea Sboarina –, con il Comune che si pone in sintonia con i più importanti interlocutori del territorio per il bene della città. L’auspicio, ma posso dire di averne già certezza, è che questo nuovo ingresso di Cattolica, determini a sua volta il coinvolgimento di ulteriori soggetti del mondo dell’imprenditoria, dell’economia, della finanza locale ma non solo.