Approvato dalla Giunta regionale del Veneto il piano esecutivo annuale 2019. Un totale di 1 milione e 850 mila euro per l’attuazione delle politiche dedicate allo sport, di cui 800.000 euro saranno destinati ad interventi di promozione della pratica sportiva (spese correnti), mentre 1.050.000 euro sarà devoluto all’impiantistica.

In particolare, 200 mila euro serviranno a sostenere i corsi di avviamento all’attività motoria e sportiva, finalizzati al miglioramento della condizione fisica e psichica, alla socializzazione e alla promozione dei valori essenziali dello sport quali il rispetto delle regole, lo spirito di squadra e il rispetto degli altri.

Altri 250 mila euro verranno utilizzati per l’organizzazione di eventi sportivi che generino ricadute economiche e sociali e rilancino il territorio; per queste finalità è già stato approvato con decreto della Direzione Beni Attività Culturali e Sport.

In base al protocollo d’intesa tra la Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR), altri 150 mila euro verranno impegnati per la realizzazione di un progetto generale di promozione della pratica e dell’etica sportiva in ambito scolastico; 200 mila euro infine andranno a sostegno della pratica sportiva degli atleti con disabilità.

Tutti i bandi sono già stati approvati e nei prossimi giorni verranno pubblicati nel Bollettino Ufficiale alla pagina del sito web regionale: regione.veneto.it/web/sport/bandi-e-finanziamenti.

Per quanto riguarda le disponibilità in conto capitale, finalizzate a migliorare l’offerta impiantistica e strutturale, in considerazione delle numerose richieste pervenute con il  bando del 2018, è stato deciso di scorrere la graduatoria utilizzando il milione e 50 mila euro del 2019.

 «Nel corso di quest’anno – sottolinea l’assessore con le deleghe allo sport Cristiano Corazzari  – attiveremo ulteriori azioni, tra cui quelle dell’Osservatorio regionale per lo sport, che concluderà la rilevazione del patrimonio impiantistico regionale veneto, avviata in collaborazione con il CONI Nazionale, proseguiremo la campagna di adesione alla Carta Etica dello sport veneto, realizzeremo un progetto di ‘Alternanza Scuola Lavoro’ in ambito sportivo e sono previsti corsi di formazione per quanti operano all’interno delle Palestre della Salute».