VENETO – La regione detiene il primato italiano nel settore dell’ospitalità con 63 milioni di presenze l’anno, oltre il 60 per cento delle quali generate da turisti provenienti dall’estero, e un fatturato valutabile in circa 15 miliardi di euro complessivi.

All’interno di questo quadro, è stato firmato, dagli assessori alla formazione Elena Donazzan e al turismo Marino Finozzi, dall’Ufficio Scolastico Regionale, dai presidenti regionali di Confturismo, Federturismo e Assoturismo, un protocollo d’intesa sulla formazione delle professioni turistiche.

Il protocollo prevede che le moderne figure professionali, utili a dare ancora più qualità al turismo del Veneto, vengano individuate, grazie a un sistema formativo ricco di percorsi finalizzati a migliorare l’appeal dell’offerta turistica veneta.

Finozzi fa notare – “nel Veneto dei primati turistici, le imprese dell’ospitalità hanno lamentato la difficoltà a reperire personale “nostrano” e preparato”.

I rappresentanti dell’imprenditoria turistica ricordano che l’obiettivo è quello di coltivare e far crescere una cultura del sorriso che accompagni la crescita di un comparto mondializzato ma non delocalizzabile, rispetto al quale il Veneto ha moltissime carte da giocare.

In particolare gli sforzi si focalizzano su tre punti:
implementare la cultura del territorio e della sicurezza;
potenziare le competenze in materia di accoglienza del turista;
favorire gli stage e l’alternanza scuola lavoro nel settore.

Queste finalità verranno perseguite intervenendo sull’istruzione e formazione professionale e sui percorsi scolastici turistici dell’istruzione secondaria, inserendo un modulo di cultura del territorio e indicando, inoltre, percorsi di formazione superiore, rivolti ad utenza disoccupata, cofinanziabili dal Fondo Sociale Europeo.
Nell’ambito della formazione continua, infine, è prevista l’introduzione di un modulo di cultura del territorio nei percorsi formativi abilitanti per la somministrazione di alimenti e bevande.


Valeria Zardini

banner-gif
Articolo precedente“Più’sport@scuola”: finanziate oltre 400 scuole del Veneto
Articolo successivoEpifania in musica a Grezzana, dai classici a Michael Jackson