Alcuni giovani impegnati nel rifacimento di una staccionata.
Alcuni giovani impegnati nel rifacimento di una staccionata.

L’edizione 2022 di “Ci sto? Affare fatica!” si avvia a conclusione e quest’anno ha visto il supporto anche di Verallia, in particolare dello stabilimento di Gazzo Veronese. L’iniziativa di carattere provinciale è promossa dai Comuni di Gazzo Veronese, Casaleone, Cerea, Legnago, San Pietro di Morubio, Minerbe, Zevio, Villa Bartolomea, con la collaborazione di Aretè Cooperativa Sociale. Una grande azione collettiva di cura dei beni comuni, di cittadinanza attiva e di valorizzazione del tempo estivo di ragazzi e ragazze.

Le attività nel comune di Gazzo sono state coordinate dall’assessora Veronica Leardini, coadiuvata dal tutor Riccardo Tosato e da Maurizio Gobbi dell’ufficio tecnico, e si sono svolte dal 27 giugno all’1 luglio e dall’11 al 15 luglio in zone specifiche all’interno del paese. In particolare i lavori individuati dall’ufficio tecnico sono stati:

  • Applicazione di un impregnante allo steccato e ai pontili della pista ciclopedonale di via Frescà e alle strutture lignee della pista ciclopedonale Chiesa Vecchia;
  • Pulizia dalle erbacce della aiuola lungo la pista ciclabile di via Frescà e lungo la pista ciclopedonale della chiesa Vecchia;
  • Collaborazione alla pulizia della piscina comunale Le Piramidi.
L’assessora Veronica Leardini

Importante sottolineare come l’attività si sia svolta in piena sicurezza per i ragazzi coinvolti, circa una ventina tra i 14 e i 18 anni. A questi, al termine dei lavori, è stato consegnato un “buono fatica” del valore di 50 euro, da spendere negli ambiti spese alimentari, abbigliamento, libri scolastici, sport e tempo libero e uno al tutor che li ha seguiti.

La vicesindaca Leardini dichiara: «L’amministrazione comunale crede molto in questo progetto che grazie alla collaborazione con Verallia ha potuto essere replicato con due squadre di giovani. Auspichiamo che si possa ripetere in futuro questa iniziativa volta a prendersi cura dei beni del proprio territorio e acquisire maggiore consapevolezza del lavoro che è necessario per il benessere della collettività».

«Verallia è sostenitrice del progetto, in linea con i propri valori aziendali e la sua sensibilità per i temi di Responsabilità Sociale d’Impresa a favore del territorio e le comunità che lo abitano – chiosa Adalberto Capalbo, Direttore di Stabilimento Gazzo Veronese – Il nostro obiettivo è quello di aprire un dialogo costruttivo con gli enti locali: l’azienda crede nella collaborazione e condivisione di buone pratiche per poter portare nei territori impatti positivi in termini di tutela ambientale e benessere delle persone. Ciò in sintonia con uno dei quattro valori di Verallia».

«Rispetto per le persone, la legge e l’ambiente, che è al centro di tutte le attività aziendali» aggiunge Luca Bollettino, Direttore HR Verallia Italia.

Per saperne di più su Verallia

banner-gif
Articolo precedenteLa squadra di volley A2 Ipag Ramonda in campo per Airett
Articolo successivoIPLUS, la sostenibilità è strategia condivisa