In migliaia oggi hanno partecipato al corteo Verona Pride per dire no all’omofobia, alla transfobia ma anche per i diritti dei migranti e per difendere la legge 194

Nonostante la pioggia, in migliaia oggi hanno partecipato al Verona Pride, il corteo per dire no all’odio, all’omofobia e alla transfobia, ma anche per i diritti del migranti e per difendere la legge 194. Ombrelli, mantelli e foulard, tutti con i colori arcobaleno, già dalle prime ore del pomeriggio hanno cominciato ad occupare Piazzale Venticinque Aprile, di fronte alla Stazione di Porta Nuova, per poi muoversi verso il centro.

 

Articolo precedenteLa missione del Castello dei Sorrisi per i bambini cardiopatici
Articolo successivoAll Right, nasce l’associazione in sostegno ad Angelo e Andrea