Quattro stanze e venti postazioni. In borgo Venezia da qualche mese c’è un nuovo spazio coworking all’interno di un complesso storico restaurato. Abbiamo parlato con l’architetto che lo ha progettato

Un complesso storico, bombardato durante la Prima Guerra Mondiale e restaurato per essere adibito a spazio coworking. Un luogo dove quindi si può lavorare, tenere corsi di formazione, conferenze, ai piedi delle Torricelle, in Borgo Venezia. La struttura è stata pensata per essere il meno impattante possibile dal punto di vista ambientale, in quanto si sviluppa sotto terra. Ciò comporta, per esempio, meno spese per l’energia sia d’estate che d’inverno.

Per quanto riguarda gli interni, tutte le superfici in legno sono state lavorate in carcere a Montorio.

*

Articolo precedenteMarco Zanta, quando la fotografia commerciale si avvicina all’arte
Articolo successivoBest Of Wine Tourism, la rassegna per l’eccellenza internazionale del vino. Verona unica italiana